News SIR

Società Italiana di Reumatologia

Smettere fumare? Si può fare!

Ogni singola sigaretta contiene oltre 4.000 sostanze tossiche

17 luglio 2019 / Salute e benessere

Roma, 17 luglio 2019 – Una sigaretta sembra una “bionda” innocua, in realtà nel piccolo suo cilindretto si trovano ben 4.000 sostanze tossiche e 40 componenti cancerogene. Queste ultime entrano in circolo già “al primo tiro”, dopo 15-20 minuti. Quindi anche per i fumatori non incalliti il rischio rimane elevato. Il fumo è dunque un vizio estremamente pericoloso che va eliminato perché, provoca, oltre al cancro e i disturbi cardiovascolari, anche l’insorgenza di patologie reumatiche. Si calcola che, in una persona geneticamente predisposta, il fumo aumenta di ben 15 volte il rischio di artrite reumatoide. “Alcuni geni - spiega il prof. Roberto Gerli, Presidente Eletto della Società Italiana di Reumatologia (SIR) - possono dare una predisposizione all'artrite reumatoide e il fumo, soprattutto in questi pazienti, favorisce la malattia attraverso modifiche di proteine a livello polmonare, a loro volta in grado di innescare produzione di autoanticorpi e fenomeni infiammatori. Smettere deve quindi essere un imperativo".  

Ecco cinque semplici regole per dire basta alle sigarette
1. Riduci gradualmente ma in modo costante il numero di sigarette fumate
2. Informa della tua scelta le persone a te vicine e (amici, parenti, colleghi). Ti aiuteranno a tener fede al tuo proposito
3. Rivolgiti al tuo medico di famiglia, saprà darti consigli utili
4. Metti da parte i soldi risparmiati dal non acquisto delle sigarette e fatti un bel regalo. Sarà un ottimo modo per ripagare il tuo sforzo. Smettere di fumare fa bene anche al portafoglio!
5. Stop subito e senza sostitutivi: smettere di fumare si può e si deve, senza cercare prodotti sostitutivi a base di nicotina che rendono poi più difficile dire addio alle sigarette

Parlato