News SIR

Società Italiana di Reumatologia

ISS: in Italia a rischio fragilità il 19% degli “over 65”

Il nostro Paese è uno tra i più longevi in Europa

5 febbraio 2020 / Salute e benessere

Roma, 5 febbraio 2020 - Nel nostro paese il 19% degli anziani in Italia è a rischio di fragilità. Questa condizione tende ad aggravarsi con l’età, riguarda infatti il 12% dei 65-74enni e il 30% fra gli ultra 85enni, è fortemente associata al disagio socio-economico (sale al 28% fra le persone con molte difficoltà economiche e al 24% fra le persone con bassa istruzione) e disegna un chiaro gradiente geografico Nord-Sud (13% nel Nord contro il 24% nel Sud Isole). È quanto emerge dalla sorveglianza di popolazione 'Passi d’Argento' 2016-2018' che fornisce un quadro epidemiologico della fragilità fra gli ultra 65enni, misurata sulla base di perdita di autonomia nello svolgimento di alcune attività strumentali della vita quotidiana. Nel contesto di un paese come il nostro, tra i più longevi in Europa e nel mondo, l’invecchiamento della popolazione è al tempo stesso un trionfo e una sfida per la società. “Se da una parte l’allungamento della vita media è il risultato di continui e importanti traguardi in campo diagnostico e terapeutico, dall’altra l’aumento della proporzione di anziani, che diventano gli utenti principali delle risorse sanitarie, impone un’attenzione crescente alla promozione di un invecchiamento sano e attivo e all’ottimizzazione delle opportunità di salute, di accesso equo alla prevenzione e alle cure” ha spiegato Benedetta Contoli dell’ISS.