News SIR

Società Italiana di Reumatologia

Fumo: vizio quotidiano per un adolescente italiano su cinque

E' quanto sostiene un'indagine ISS

11 aprile 2019 / Salute e benessere

Roma, 11 marzo 2019 - “I prodotti da fumo più utilizzati tra i giovani italiani di 13-15 anni sono le sigarette di tabacco. Uno su cinque le fuma quotidianamente mentre il 18% utilizza quelle elettroniche”. E’ quanto emerge dai risultati nazionali della terza indagine della sorveglianza Gyts (Global Youth Tobacco Survey), realizzata in oltre 180 Paesi del mondo e finalizzata al monitoraggio dei comportamenti legati all’uso dei prodotti del tabacco fra gli adolescenti. I dati dell’indagine 2018, coordinata dal all’Istituto superiore di sanità (ISS), sono presentati oggi in un workshop al ministero della Salute. “La terza raccolta dati della sorveglianza Gyts è stata effettuata in Italia nell’anno scolastico 2017-2018. “L’indagine ha coinvolto 33 scuole secondarie di primo grado (28 hanno accettato di partecipare, 2 non hanno risposto e 3 hanno rifiutato) e 33 scuole secondarie di secondo grado (30 hanno accettato di partecipare, 1 non ha risposto e 1 ha rifiutato) per un totale di quasi 1700 studenti coinvolti”, spiega EpiCentro. 
 
“Lo spettro degli effetti nocivi del tabagismo sulla salute è in aumento, ed una stretta correlazione tra tabagismo ed insorgenza di artrite reumatoide è stata ampiamente dimostrata - afferma Florenzo Iannone, professore di Reumatologia presso l’Universita di Bari -. Il fumo di sigaretta, infatti, favorisce la comparsa di anticorpi anti-peptide ciclico citrullinato, e quindi della malattia in persone geneticamente predisposte. La rimozione, pertanto, di un fattore ambientale nocivo, quale il tabagismo, già in età giovanile potrà diminuire il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide”.